Home / Dal mondo dell'olio / Conoscere: vero o falso sull’olio evo

Conoscere: vero o falso sull’olio evo

Vero o falso sull’olio extravergine di oliva

Vi proponiamo un piccolo “gioco” tratto dal libro Olio. Lo straordinario mondo dell’olio extravergine d’oliva – di cui siamo autrici noi, Simona Cognoli e Luciana Squadrilli, e pubblicato da LSWR – per fare chiarezza su alcune false convinzioni e “verità assolute” diffuse sull’olio extravergine d’oliva. Ecco alcune tra le più comuni.

 

·       L’olio di prima spremitura è il migliore – FALSO
Non esistono più spremiture per un olio extravergine d’oliva che è il risultato di un’unica – prima e ultima – lavorazione delle olive.

·       L’olio che pizzica in gola è acido – FALSO
L’acidità è un parametro chimico e non è riscontrabile all’assaggio. La sensazione piccante è un attributo positivo degli oli ricchi di polifenoli.

·       L’olio fruttato sa di frutta – FALSO
Il fruttato nell’olio si riferisce esclusivamente al frutto di origine, vale a dire all’oliva.

·       L’extravergine è un conservante naturale – VERO
L’olio extravergine, grazie alle sue proprietà antiossidanti, è un ottimo conservante. Tuttavia, deve a sua volta essere conservato con cura preservandolo da aria, luce e calore.

·       L’olio più robusto è più difficile da digerire – FALSO
L’extravergine aiuta i processi digestivi e l’eventuale presenza di amaro e piccante non ha nulla a che fare con la sua digeribilità

·       Non esiste “il miglior olio” – VERO
Accertato che un olio sia privo di difetti la sua preferenza rispetto ad altri dipende molto dal gusto personale.

·       L’olio del Sud è più pesante di quello del Nord – FALSO

Anche se è vero che nel Sud Italia sono presenti cultivar che danno oli molto intensi, la grande ricchezza del patrimonio olivicolo italiano e le diverse tecniche di estrazione fanno sì che si possano trovare oli leggeri o intensi a prescindere dal territorio di riferimento. In ogni caso, questo non c’entra nulla con la “pesantezza” che invece si riferisce alla digeribilità dell’olio (vedi sopra).

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continua ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie. Per maggiori informazioni leggi la privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi