Registrati alla Nostra Newsletter e Ricevi il 5% di Sconto!

Ricevi tutti i nostri interessanti aggiornamenti sul mondo dell'olio! Leggi l'informativa al trattamento.

Home / Ricette / La ricetta del mese: i carciofi alla romana di Luca Sessa

La ricetta del mese: i carciofi alla romana di Luca Sessa

La ricetta di questo mese è di Luca Sessa, giornalista e food blogger (e bravissimo cuoco!) di orgine napoletana che scrive (anche) ricette per il sito Il Giornale del Cibo, oltre che per il suo blog Per un pugno di capperi e per altre testate.
Proprio dal Giornale del Cibo prendiamo questa bellissima preparazione a base di carciofi, squisiti e salutari ortaggi che in questa stagione danno il loro meglio.
L’olio extravergine suggerito da Oleonauta è l’ottimo Athos (blend di Frantoio e Moraiolo, fruttato medio-intenso dal retrogusto amaro e piccante bilanciato con bei sentori di rucola e mandorla fresca) prodotto dall’azienda Olio Traldi a Vetralla, in provincia di Viterbo, dove hanno anche un bellissimo resort AgriWelness, ideale per andare a trascorrere qualche giornata di relax in primavera!

Ingredienti per 4 persone:

  • 6 carciofi
  • prezzemolo
  • mentuccia romana
  • olio extravergine d’oliva
  • aglio
  • sale
  • pepe

Preparazione
Mondare i carciofi, eliminando le foglie esterne e tagliando la parte superiore. Per evitare che i carciofi possano scurire, dopo averli tagliati ungerli con una fettina di limone. Tritare il prezzemolo, la mentuccia e l’aglio, aggiungere un filo d’olio extravergine

ed il sale. Riempire i carciofi con il trito ad aggiungere olio sino a riempirli.

Inserire i carciofi in un tegame adatto: devono essere incastrati, senza spazio, altrimenti durante la cottura si capovolgerebbero perdendo il ripieno. Riempire il tegame con acqua sino alla metà della base dei carciofi. Cospargere con sale, pepe ed olio.

Coprire i carciofi con carta da pane umida. Mettere sul fuoco a fiamma alta per 10 minuti, quindi proseguire la cottura a fiamma media sino a quando risulteranno morbidi. A cottura quasi ultimata tagliare i gambetti e metterli nel sugo, per insaporirli. Possono esser serviti caldi o freddi, ricoperti con il loro sughetto.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continua ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie. Per maggiori informazioni leggi la privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi